Categorie
Uncategorized

Prospettiva 2030 Intervista a Gavino Ledda

Categorie
Uncategorized

Assandira arriva anche in dvd

Dopo premi e nomination in home video il film di Mereu con Gavino Ledda

SASSARI. Fresco di nomination ai David di Donatello e del Premio Tonino Guerra alla sceneggiatura e miglior film, “Assandira” è da poco disponibile anche in dvd. Distribuito da Lucky Red e Koch Media, il nuovo lungometraggio di Salvatore Mereu approda nel mercato home video con un’edizione che presenta tra gli extra anche alcune scene tagliate durante il montaggio concluso a ridosso dell’anteprima alla Mostra del cinema di Venezia, dove il film era stato selezionato fuori concorso prima dell’uscita nelle sale (in quel periodo aperte seppur con delle limitazioni). In copertina la bellissima illustrazione, già usata come poster di lancio, realizzata da Angelo Monne. Artista di Dorgali come lo stesso regista che con “Assandira” ha portato sullo schermo l’omonimo romanzo di Giulio Angioni pubblicato da Sellerio.

Un intenso lavoro sul testo, la candidatura al David di Donatello è arrivata proprio per la sceneggiatura non originale, incoraggiato quando era in vita anche dallo scrittore e antropologo di Guasila scomparso nel 2017. Il film si apre con le immagini di una pioggia torrenziale grazie alla quale si è appena spento il fuoco che si è mangiato in una notte sola l’agriturismo chiamato Assandira. Ma la pioggia non ha spento il dolore di Costantino Saru, il rimorso bruciante per il figlio che è morto in mezzo alle fiamme e che non è riuscito a salvare. All’alba i primi ad arrivare sono i carabinieri e il magistrato: Costantino prova a raccontare loro cosa è successo in quell’ultima notte, a spiegare come tutto è cominciato. Questa la sinossi del film, prodotto da Viacolvento (la società di produzione fondata da Mereu insieme alla moglie Elisabetta Soddu) e con protagonista Gavino Ledda.

È lui, lo scrittore di “Padre padrone”, il vecchio pastore che si fa convincere dal figlio, l’esordiente Marco Zucca, e dalla nuora tedesca, l’attrice Anna Konig, a trasformare il suo ovile abbandonato in un agriturismo.

Nel cast principale anche Corrado Giannetti, nel ruolo del magistrato, e Samuele Mei, aiutante-pastore. Oltre alla possibilità data dall’acquisto del dvd, “Assandira” si può vedere a pagamento anche in alcune piattaforme di video on demand: Rakuten Tv, Chili, Google Play, TimVision.

Fonte : lanuovasardegna.it

Categorie
Uncategorized

Assandira vince il premio Tonino Guerra alla sceneggiatura e miglior film

Si è appena conclusa la prima edizione di I Luoghi dell’Anima – Italian Film Festival, la manifestazione ideata e presieduta da Andrea Guerra, con la direzione artistica di Steve Della Casa e Paola Poli, dedicata al centenario della nascita di Tonino Guerra. Il Festival si è tenuto su MyMovies. Promosso dall’Associazione Tonino Guerra, è stato dedicato a opere cinematografiche in cui l’ambientazione è protagonista. Ha proposto in concorso film e documentari che sperimentano nuovi linguaggi per narrare al grande pubblico le memorie e le vicende di luoghi e persone. Il concorso ha voluto premiare le opere audiovisive particolarmente ispirate all’anima di un paesaggio: tradizioni locali; memorie e storia di luoghi e persone; tutela dell’ambiente e sostenibilità, secondo i principi del vivere lento; resilienza ambientale e umana; valorizzazione delle peculiarità di un contesto locale attraverso un linguaggio innovativo. 

Notturno di Gianfranco Rosi è il Miglior Documentario, premiato dalla giuria presieduta da Terry George, e composta da Luca Cesari e Raffaele Milani perché l’oscurità del mondo s’illumina di una pietà e di una commozione profondissime e le immagini testimoniano una dignità dell’umano trattata con una grande potenza di sguardi.

Il Premio speciale del centenario Tonino Guerra è stato assegnato a Due scatole dimenticate perché incontra le parole di Tonino “creare luoghi e aspettare l’anima”, mentre la tenera mano di questa donna meravigliosa, Cecilia Mangini, solleva negativi e alambicchi per condividere con noi i volti, i sorrisi, il coraggio dei cittadini di Hanoi nel 1964. 

La giuria lungometraggi presieduta da Ferzan Ozpetek e composta da Laura Delli Colli e Massimo Pulini  assegna il Premio Tonino Guerra alla sceneggiatura e miglior film ad Assandira di Salvatore Mereu con questa motivazione: un film che esprime un senso di imprescindibile rispetto per la terra che cresce i propri figli – uomini e animali- custodendo nella sua fierezza anche quel valore ‘sacrale’ che trasforma un territorio in un luogo degli affetti e dell’anima. Nella storia avvincente di un film che, fin dal titolo, esprime, non a caso con una parola arcaica e insieme popolare, un ammonimento significativo, Assandira ci ricorda che non si può andare contro l’ordine naturale delle cose come non si può rinnegare ogni luogo che custodisca il valore più intimo di un’emozione privata. Meno che mai se la sua trasformazione si annuncia come un prezzo da pagare al progresso.

Il premio miglior fotografia è andato a Daria D’Antonio per Tornare di Cristina Comencini e il premio miglior scenografia a Tonino Zera per L’incredibile storia dell’Isola delle rose di Sydney Sibilia. Come miglior interprete sono stati premiati Elio Germano per L’incredibile storia dell’isola delle rose e Giovanna Mezzogiorno per Tornare; il Premio ACMF miglior colonna sonora assegnato dalla giuria del direttivo dell’Associazione Compositori Musiche da Film, presieduta da Pivio, va a Michele Braga per L’incredibile storia dell’isola delle rose, per il lavoro di ricostruzione storica delle atmosfere in cui si svolgono le vicende raccontate nel film.

fonte : Cinecitta.com

Categorie
Uncategorized

Assandira, il mondo sconcio dopo l’apocalisse

Attraverso una Sardegna finta e corrotta, Salvatore Mereu denuncia una sconfitta epocale

Una pioggia biblica, un incendio che prima del diluvio ha divorato un agriturismo. E un sopravvissuto, un uomo anziano, che si aggira disperato fra le macerie sotto cui giace anche suo figlio. Il nuovo film di Salvatore Mereu comincia dalla fine, la fine di tutto, cioè l’Apocalisse. La catastrofe che ha distrutto Assandira, l’agriturismo messo su dal figlio di Costantino e dalla sua compagna tedesca Grete, si è portata via tutto un mondo. Quel mondo era la Sardegna immemoriale di Costantino, la Sardegna dei pastori con la bocca chiusa e lo schioppo a tracolla. Un posto durissimo, retto da leggi non scritte che tutti sapevano a memoria.
Ricostruito dal carismatico Mario (Marco Zucca) e dalla provocante Grete (Anna König) a uso e consumo dei turisti nordeuropei.

Una specie di parco a tema, una sconcia Disneyland sarda in cui ogni cosa è vera ma finta, gli struzzi convivono con le greggi e tutto si fa show, dalla copula dei cavalli alla mungitura delle pecore (con battutine sulle migliori amiche del pastore durante i mesi di solitudine). Quindi tutto si corrompe in modo intollerabile per il vecchio Costantino, che ha il carisma assoluto di Gavino Ledda, l’autore di “Padre Padrone”, protagonista e voce narrante di questa apocalisse ambientata negli anni 90 ispirata al romanzo dell’antropologo-scrittore Giulio Angioni (Sellerio).

Anche se forse le cose sono più complicate, come intuisce un magistrato molto sciasciano giunto sul posto per indagare (il quasi inedito al cinema, e bravissimo, Corrado Giannetti). Forse quel padre poco padrone è stato complice della corruzione in cui si è lasciato irretire. E tutta quella volgarità, se non quel mercantilismo, quei richiami sessuali, quello spreco, hanno scalfito le sue convinzioni corrompendo anche lui.

Forse lui stesso è morto, ancor prima del figlio, anche se inizia a capirlo solo adesso. E le domande del giudice, i flashback (c’è anche una banca del seme in Germania, l’era della tecnica non ha limiti), il lungo monologare di Costantino disegnano questo. Una lebbra che parte dall’ambiente per divorare anche la mente. Una resa totale. Una sconfitta in cui siamo immersi, Sardegna o non Sardegna, fino a non saperla più vedere. Come questo bel film dalla gestazione tormentata ci ricorda, a tratti con qualche insistenza, ma con immagini memorabili e una veemenza che conquista.

“ASSANDIRA”

Fonte : L’Espresso

Categorie
Uncategorized

Se l’Isola è ridotta a cliché per turisti: Mereu torna nei cinema con Assandira

Il fuoco ha lasciato solo cenere e macerie, carcasse di animali bruciati e un uomo perduto sotto la pioggia, con uno sguardo carico di vergogna e il peso di una colpa a cui non siamo in grado di dare un nome. Si chiama Costantino Saru, pastore settantenne, e intorno a lui l’incendio ha reso Assandira quello che era un tempo: un “niente di nessuno”. Fino a poche ore prima quel luogo era stato il teatro di una messinscena a uso e consumo dei turisti. L’idea era venuta al figlio Mario e alla compagna tedesca Grete: quella di recuperare un vecchio rudere del padre a Gennemari e trasformarlo in un agriturismo, Assandira appunto, dove gli ospiti potessero vivere l’esperienza del mondo agropastorale e delle tradizioni dell’Isola. Tutto riprodotto per finta e per il divertimento del pubblico pagante: dall’accoppiamento di due cavalli – la femmina agghindata con il velo da sposa – alla mungitura, dalla morra alla tecnica di fumare “a fuoco dentro”. E ancora storie cruente di banditi e discorsi sulla fratellanza con le pecore, pasti a base di maialetti e abiti tradizionali, i panni della “mascherata”: gambali, camicie senza colletto, berrittas, bisacce e sacchi di orbace. Una profanazione, secondo Costantino, che il pastore lo aveva fatto fin da bambino e che pure a un certo punto – nonostante la contrarietà – aveva deciso di interpretare una parte in commedia per amore del figlio. Un modo per avere la possibilità di tornare nell’Isola e di fare soldi, secondo Mario – emigrato in Germania – e la compagna. Tutto però era finito nel peggiore dei modi: il fuoco aveva distrutto l’agriturismo, il ragazzo era morto e Grete – incinta di qualche mese – ricoverata in ospedale. Lasciando solo Costantino insieme al magistrato e ai carabinieri. E a un racconto molto difficile da mettere a fuoco e condividere.

Assandira è il nuovo film di Salvatore Mereu, regista 55enne già autore di pellicole celebrate come Ballo a tre passi, Sonetàula, Bellas Mariposas. L’opera è liberamente ispirata all’omonimo romanzo di Giulio Angioni (uscito nel 2004 per Sellerio) e mette in scena una serie di conflitti: familiari in primis e poi di concezioni del mondo, nel racconto di una terra che si apre al “nuovo” innescando un cortocircuito tra tradizione e modernità. Un dramma dell’identità che racconta innanzitutto il peso di un tradimento: nei confronti di sé stessi e delle proprie origini. “Leggendo il libro ho provato un sentimento di indignazione nei confronti della rappresentazione di quel mondo a cui appartengo, quello della Sardegna rurale, massacrato dall’industria turistica, dall’idea che in nome del guadagno facile si possa passare sopra tutto, anche sopra la dignità delle persone”, ha detto il regista dorgalese presentando il film. La pellicola – prodotta da Viacolvento e Rai Cinema e distribuita in Italia da Lucky Red – è stata presentata fuori concorso alla Mostra del cinema di Venezia e poi mercoledì a Sa Manifattura a Cagliari, in collaborazione con la Sardegna Film Commission che ha contribuito a finanziare e sostenere il film. Ora Assandira è protagonista di un tour di presentazione nell’Isola: stasera a Nuoro e Palau, sabato a QuartucciuCagliari e Sestu, domenica a Dorgali e Tortolì. Il regista sarà accompagnato dal cast: un sorprendente Gavino Ledda, che a quasi 82 anni si toglie la soddisfazione di esordire al cinema da attore con un ruolo da protagonista, quello del pastore Costantino; Anna Konig (Grete), Marco Zucca (Mario), Samuele Mei (Peppe Bellu), Corrado Giannetti (il magistrato Silvio Pestis).

“Le storie una volta raccontate ognuno ne fa l’uso che vuole”, dice a un certo punto il magistrato a Costantino. Mereu, lei che uso ha fatto della storia raccontata da Angioni?

Quella è la risposta che il magistrato dà al protagonista quando Costantino gli chiede: cosa ne vuole fare di questa storia, signor giudice? Forse è una domanda che rivolge a se stesso ma chiama in causa anche noi: cos’è una storia, come cambia a seconda dell’angolazione? È uno dei temi del film. Assandira è vista attraverso gli occhi di Costantino ma non sappiamo se il racconto sia frutto solo degli accadimenti reali o se ci sia qualcosa che altera il suo racconto, se non incidano anche il senso di colpa o l’elaborazione del lutto. Nel disegno originale del film c’erano delle scene raccontate anche dal magistrato. Il modello era Rashomon di Kurosawa, con un racconto ricostruito da punti di vista diversi. Apparenza, ricostruzione della realtà sono temi che percorrono un po’ tutto il film. Fin dall’utilizzo smodato delle polaroid da parte di Grete, che durante il film dice spesso ai turisti: potete fare foto. Tra l’altro sottolineerei la grande forza profetica del libro di Angioni, che già 16 anni fa denunciava questa deriva della fotografia e dei selfie, l’attitudine a non vivere più il presente ma la sua rappresentazione.

A proposito di Angioni: ha avuto modo di confrontarsi con l’antropologo a proposito del libro e del film?

Lui mi diceva sempre: mi piacerebbe che chi legge questo libro non avesse la percezione esatta di chi è veramente il responsabile. Del resto la preoccupazione – anche nel film – non è svelare chi abbia appiccato l’incendio ma capire come si arrivi a un gesto catartico come quello. Il confronto con Giulio è avvenuto sull’adattamento. Non ha voluto farsi coinvolgere nella scrittura perché riteneva il libro e il film due cose distinte. L’ho frequentato molto, è nata una bella amicizia. Ricordo che non era uno scrittore geloso della sua creazione. Metteva nel conto anche la possibilità di un tradimento, che in un adattamento ci può stare. A questo proposito Gavino nella sua vita ha vissuto l’esperienza del tradimento della sua opera e credo che il suo rapporto col cinema non sia del tutto pacificato…
Interviene Gavino Ledda. Se dovessi fare un parallelo tra il mio libro, Padre padrone, e l’adattamento dei Taviani, e tra l’opera di Angioni e il film di Salvatore, direi che io sono stato tradito mentre lui il libro è riuscito a valorizzarlo. Se il film dei Taviani è veramente un capolavoro questo lo stabilirà la storia. Voglio aggiungere una cosa sul mio personaggio. Costantino è una persona che viene veramente dalla Sardegna e mi sono identificato molto con lui. Quasi quasi mi è dispiaciuto non averla bruciato io quella sodoma di Assandira, dove si vendevano e si svilivano i resti di una pastorizia che non c’è più. Costantino si ribella in modo forte: ma tutto il mondo è un’Assandira.

Gavino Ledda, foto di Giorgio Marturana per Sardegna Film Commission

Il magistrato verso la fine del film ripete alcune volte all’indirizzo di Costantino: io non la capisco sa? È confuso, quasi sconsolato. Empatizza, sembra star male per lui.

Se ci fai caso il magistrato in maniera maieutica cerca di far tirar fuori al pastore quello che non vuole dire. Del resto nel corso dell’interrogatorio le cose che racconta a noi non le racconta a lui. Insiste: cosa è successo? Poi ce lo dirà? Il magistrato è una figura interessante perché potrebbe sovrapporsi a quella del narratore. Ha la stessa pietas. Si trova davanti un uomo che è come un vecchio finito sulla battigia dopo la tempesta: cerca di confortarlo. E Costantino, con tutte le riserve possibili, in fondo vuole farsi adottare da lui. Ha una colpa che sente di dover espiare e non può tenersi tutto dentro. Decide di raccontare quando capisce che non c’è alcuna prospettiva di vita futura.

Salvatore Mereu, foto di Giorgio Marturana per Sardegna Film Commission

Fin dall’inizio il peso della colpa si percepisce quasi fisicamente. Insieme a uno sguardo che è carico di vergogna: non solo per l’essere sopravvissuto a un figlio, ma in definitiva per tutto quello che Assandira ha rappresentato.

Bisogna considerare il mondo da cui proviene Costantino. Dice: nella mia vita non ho mai avuto la possibilità di sognare, di lasciarmi andare. La vergogna è la misura delle cose, di ciò che è lecito e di ciò che non lo è. Prova vergogna anche per aver permesso tutto questo.

Ci sono alcune differenze importanti rispetto al libro. La figura di Grete, ad esempio: risulta forse più cinica e “negativa” rispetto a quella delineata da Angioni.

Effettivamente nel libro lei è più spontanea, naif. Non calcola fino in fondo la portata delle sue iniziative: ritiene che quello che fanno lo fanno a fin di bene. Ma la passione che corre nascosta dentro l’animo dei personaggi nel film li fa rivelare in una tridimensionalità che nel libro non c’è e che probabilmente non era nemmeno intenzione dell’autore tirar fuori, concentrato maggiormente sullo sguardo dell’antropologo. A me interessava molto il lato umano, l’idea di un microcosmo familiare con passioni forti, nascoste anche a loro stessi. L’epilogo verso il dramma e poi la tragedia andava corroborato dall’approfondimento della natura dei personaggi e non solo dalla ricognizione della deriva denunciata da Angioni.

Veniamo al nucleo “politico” del film: il racconto di come alcuni aspetti dell’identità dell’Isola vengono banalizzati e impacchettati per il divertimento dei turisti.

Costantino è censore di questa deriva. Quando il figlio e Grete gli dicono che vogliono mostrare il lavoro del pastore per intrattenere gli ospiti dell’agriturismo, lui dice che non c’era nulla di divertente nel suo lavoro, che neanche i bambini volevano giocare a fare i pastori. Curiosamente la cronaca di questa estate ci ha mostrato i danni di un certo modo di intendere il turismo in Sardegna. Oggi sembra quasi una avventura da reality in cui vengono montate su delle attrazioni, si vende l’abboccamento col finto bandito… C’è un vecchio racconto di Ennio Flaiano che nel ’68 è diventato un film di Marcello Fondato, I protagonisti, ambientato in Sardegna. Dei gitanti stanno in un villaggio della Costa Smeralda e sono annoiati. Allora decidono di andare in un luogo imprecisato dell’Isola, come in un safari, per farsi una foto con un bandito. Come se fosse una zebra o un altro animale esotico. Ecco: eravamo visti alla stregua di zebre. Ma voglio precisare che non c’è un giudizio negativo sull’industria turistica in quanto tale. Sappiamo bene come ormai sia un motore dell’economia sarda. Ma in certi casi l’industria turistica è come quella dello spettacolo: cerca scorciatoie, vende modi di vita e sentimenti, frulla la dignità umana.

Com’è nata l’idea di assegnare il ruolo del protagonista a Gavino Ledda?

Ho deciso quando mi sono imbattuto in una sua foto: lui seduto sotto una quercia in canottiera bianca con la barba di qualche giorno. C’era un mondo in quell’immagine, la storia di una umanità che sta scomparendo. Una storia inscritta nel suo volto. Mi sono detto: l’ho trovato, è lui. Avevo solo una preoccupazione: lui non è una icona così maneggiabile, è Gavino Ledda, richiama una storia talmente forte che temevo prendesse il sopravvento. Potevamo schivare questo problema perché non solo lui ha l’apparenza fisica ma anche la sensibilità di quel mondo: si trattava di trovare la misura. E siamo riusciti a costruire il personaggio insieme.
Gavino Ledda. Nei primi giorni è stato molto difficile, probabilmente perché facevo parte di quel mondo: il vissuto di Costantino era anche il mio. Poi ho sentito in modo forte la tragedia del personaggio, che passa da una dignità nuragica al fare il buffone per amore del figlio: e questo mi ha aiutato. Ricordo che durante le riprese a Salvatore non piaceva il colore della mia voce. Poi sono riuscito a trovare quello giusto: una voce che passava per la pancia. È stato davvero un film difficilissimo.

fonte : Sardiniapost.it

Categorie
Uncategorized

«Assandira», un noir sardo tra futuro e tradizione

Presentato fuori concorso alla Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, il film «Assandira» di Salvatore Mereu racconta della Sardegna, di innovazione e tradizione, di futuro e passato, di figli e di padri

Assandira di Salvatore Mereu, al cinema con Lucky Red e presentato fuori concorso alla Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, è un film antichissimo e allo stesso tempo nuovissimo. Parla di innovazione, di futuro, di figli. Ma parla pure di tradizione, di passato e di padri. Ed è proprio nell’eterna lotta tra padri e figli, tra quello che è stato e quello che vuole essere, quello che vuole insegnare e quello che, invece, pensa già di sapere, che trova la sua massima espressione.

È un film compatto, granitico, pieno di volti e di voci straordinarie: ogni attore è un quadro in movimento, con i suoi spigoli, le sue forme, i suoi occhi. Ogni scena è carica di tensione, di chiaroscuri, di tanti, piccoli dettagli.

È un noir in lingua, parlato in sardo (con poche incursioni di italiano e di tedesco, e qualche frase in inglese), e che punta tutto sulla tensione. Si comincia dalla fine e poi, lentamente, si torna all’inizio. Sappiamo già che cosa succederà, e in un certo senso siamo già preparati al peggio: alla pioggia e all’incendio che devasteranno l’agriturismo in cui il film è ambientato. Ma siamo anche preparati al senso di sconfitta e di perdita che si trascinerà nel corso del racconto. Quello che conta, anche qui, è il viaggio: e quindi seguiamo un magistrato nelle sue indagini, mentre prova a capire perché è successo quello che è successo. Mereu non ha fretta, e fa benissimo: lascia respirare il film e lascia sedimentare e lievitare l’atmosfera tesa e contorta della storia. In Costantino, interpretato da un bravissimo Gavino Ledda, trova un protagonista responsabile e capace di farsi carico di ogni momento, con la voce o con un’occhiata, nello scatto di un gesto o nella repressione di un sospiro. Sulla sua pelle, scurita dal sole e segnata dal tempo, c’è una mappa infinita di segni e di rughe, di forza e di testardaggine. E a un certo punto, più o meno a metà di Assandira, diventa interessante provare a seguire la narrazione affidandosi completamente al suo corpo e a quello che dice (di più: al modo in cui lo dice). Il sardo, qui, è un altro personaggio: è musicale, coinvolgente, è un ringhio o un gioco di consonanti.

La storia, ispirata al libro di Giulio Angioni (Sellerio), potrebbe svolgersi in qualunque parte del mondo, in qualunque terra di confine in cui nuovo e vecchio si scontrano, e potrebbe avere qualunque voce. Invece, ambientata in Sardegna, riesce a essere anche una storia italiana – con le sue contraddizioni, e con il suo scontro generazionale. E una storia europea – i giovani che viaggiano, che rientrano, che cercano la loro fortuna dove non pensavano di poterla trovare.

In Assandira c’è la fine del mondo contadino; o almeno, c’è la fine di quello che era. C’è l’estinzione del pastore, con la sua vita solitaria, dura e difficile; e c’è pure l’apertura alla novità, a quello che arriva e che può essere un’occasione – e non per forza, come pensa qualcuno, una maledizione. «Ai vecchi», dice Costantino, «non conviene discutere con i giovani: hanno sempre ragione loro». E così si piega alla decisione del figlio di tornare, di rimaneggiare la loro casa, la loro vita, e di farne un’attrazione per i turisti; si lascia ammaliare dalla nuora, lei tedesca, che sbircia e spia in continuazione, e da cui spesso si lascia addomesticare. Anche tra le persone – tra padri e figli, tra moglie e marito, e tra vicini – resiste una dimensione bestiale, come se tutto fosse ridotto al minimo, spogliato di qualunque accortezza o gentilezza. Le parole vengono lanciate come pietre, e incassate come pugni. E la fatica di ogni giorno diventa un piacere scomposto, ricercato, familiare e, a tratti, rassicurante. La Sardegna di Assandira non è la Sardegna del mare, della costa bianchissima, né degli hotel e dei resort; è la Sardegna pietrosa e incontaminata, quella che sembra ancora intoccabile e uguale; quella che sopravvive con poco, e che ha un’anima ancestrale. Il noir, le indagini, la ricostruzione dei fatti: sono l’ossatura del racconto, ma non la sua sostanza; la cosa più bella di questo film è la confessione silenziosa, sussurrata dalla voce narrante, di Costantino, è il suo viaggio nei ricordi ed è il testamento che lascia, da vecchio, da padre, da pastore, a chi vuole ascoltarlo.

fonte : Vanity Fair

Categorie
Uncategorized

Mostra del Cinema di Venezia 2020, ecco perché Assandira di Salvatore Mereu meritava il Concorso

A vision fatta viene da chiedersi il motivo per cui il direttore Alberto Barabera non l’abbia inserito nella corsa al Leone d’Oro. Fuori concorso al Lido anche il piccolo/grande cortometraggio di Alice Rohrwacher, Omelia contadina

L’aveva detto il direttore artistico Alberto Barbera che il nuovo film di Salvatore Mereu “avrebbe meritato il concorso ufficiale”. A vision fatta viene da chiedersi il motivo per cui non l’abbia inserito nella corsa al Leone d’Oro (cinque italiani troppi? Magari uno tra i visti era veramente “di troppo”..) perché Assandira contiene davvero del grande cinema. E, a detta del regista stesso, “raccoglie tutti i miei precedenti film”. Collocato purtroppo nel fuori concorso, trova alla sua base l’omonimo romanzo di Giulio Angioni – a cui liberamente si ispira – mentre al suo cuore uno sguardo potente capace di rappresentare l’essenza del peccato originale.

Assandira “una parola antica che c’è sempre stata” è un luogo (meta)fisico (un ovile con casale nel cuore della Sardegna) che dalla purezza di un Eden arcaico muta in un inferno senza speranza. In esso si muovono tre personaggi diversamente legati i cui destini si condizionano reciprocamente seguendo pulsioni ruvide come il granito della magnifica isola che offre l’ambientazione. Film di generi contaminato (noir, melodramma, thriller..) si avvale di un protagonista eccezionale come Gavino Ledda, corpo e voce over di straordinaria peculiarità che lo stesso Mereu inizialmente temeva potesse “essere troppo ingombrante”. Invece il mitico ex pastore diventato glottologo-scrittore, nonché autore di Padre Padrone, è risultato una scelta naturale nei panni del vecchio Costantino, il pastore per antonomasia, portatore dei segni di una saggezza intrinseca ma troppo “innocente” per non cedere all’inganno. A circuirlo è suo figlio Mario ma soprattutto la biondissima e la “giunonica” nuora tedesca, Grete (la notevole Anna König), una valchiria arrivata ad Assandira con il preciso obiettivo di trasformarla in un agriturismo “etnografico”, in altre parole un parco tematico per turisti bifolchi dove le sacre tradizioni della Sardegna rurale mutano in spettacoli, travestimenti, giochi di bassa lega. Per quanto Costantino, che chiaramente vibra all’unisono con lo spirito di Gavino Ledda, intuisca la stortura di fondo (“a me lo vengono a dire cosa vuol dire giocare a fare il pastore..”) il Male si traveste da Bene portandosi appresso l’inevitabile deflagrazione.

Storia profondamente sarda ma altrettanto universale per l’arcaicità in cui affonda, offre stratificazione interpretativa per l’abbondanza di simboli (mai retorici perché ben usati) messi in e fuori campo, mentre denuncia con intelligenza il paradosso dell’ambivalenza propria della Storia: l’inesorabile progresso e la sua ineludibile ciclicità. E l’umanità, questo miracolo misterioso fatto di materia e spirito, ne esce vittima e carnefice, portatrice (in)sana di quel Peccato ab origine che troverà sempre un’Assandira da corrompere. Il film uscirà prossimamente nelle sale distribuito da Lucky Red.

A far da eco coerente al magnifico testo di Salvatore Mereu c’è fuori concorso al Lido il piccolo/grande cortometraggio di Alice RohrwacherOmelia contadina. Definito dalla regista stessa quale “azione cinematografica” (un genere che sa di fantastico come il cinema tutto di Rohrwacher), si sostanzia in un vero e proprio requiem all’agricoltura contadina: dall’alto una videocamera riprende delle gigantografie umane stilizzate trasportate a mano quali feretri da seppellire. Il rito funebre, accompagnato da banda popolare, è destinato a interrare le due sagome all’interno di grandi campi coltivati, mentre delle voci si alternano nel pronunciare le esequie. La preghiera laica che denuncia i veri killer dell’agricoltura contadina ha però una chiusa geniale: “ci avete seppelliti ma non sapevate che eravamo semi!”. Pastori e agricoltori, almeno in questo grande cinema “umanista”, sono salvi.

fonte : Il Fatto Quotidiano

Categorie
Uncategorized

Assandira – Cinematografo

Salvatore Mereu mette a fuoco la Sardegna tradita: con Gavino Ledda, e un po’ di confusione. Fuori concorso.

Uno scrittore, Gavino Ledda, quello di Padre padrone, che fa l’attore. Uno scrittore, Giulio Angioni, che fornisce il libro da adattare, Assandira (Sellerio). Un regista, Salvatore Mereu, che scrive e dirige: Assandira è Fuori concorso alla 77. Mostra di Venezia.

Nel cast anche Anna König, Marco Zucca e Corrado Giannetti, il vecchio Costantino (Ledda) è fradicio, inzuppato da una pioggia torrenziale quanto inutile: troppo tardi ha spento l’incendio che s’è mangiato l’agriturismo in mezzo al bosco, Assandira. Nel rogo sono periti molti animali e il figlio di Costantino, Mario (Marco Zucca): la di lui moglie, la tedesca Grete (Anna König), incinta lotta in ospedale. Sul posto sono i carabinieri e il giudice Pestis (Corrado Giannetti) che a Costantino chiede conto di quel che è accaduto. Testimone oculare, e forse qualcosa in più, Costantino si mette a raccontare, con un flusso di coscienza che esula dal mero rendiconto: che è accaduto ad Assandira, e perché? Che cosa ci sta dietro, e dentro?

“Non lo sapremo mai. Sappiamo però che la natura umana è la più grande risorsa per raccontare una storia, anche a dispetto dell’intreccio, che è un vecchio arnese nel quale si può solo inciampare”, consegna alle note di regia Mereu, che in oltre due ore fa di narrazione mostrazione, e viceversa, dando potere alla parola affinché le immagini siano più eloquenti.

Chi è Costantino, un Candide buono per gli scatti dei turisti? Chi è Grete, una Madre madrona pronta a irretire e soggiogare? Chi è Mario, un debole alla mercé di Grete e un figliol prodigo e restio? Mereu affastella indizi e aporie, scorciatoie e strade sbagliate, chiedendo all’umano, e alla natura, dei misteri dietro le fragili certezze e le apparenti verità. Il giudice cerca elementi, Costantino dice molto e forse non tutto, Assandira è parola arcaica ed entità oscura. Fecondazione eterologa, incesto, orge e, su tutto, la Sardegna condannata all’attrazione, attaccata dall’esterno e implosa dall’interno: Mereu la prende larga e la tira in lungo, perché così va fatto, ché l’involuzione è recondita e annosa e non si può aver fretta.

Fascinoso, liquido e insieme pastoso, Assandira arriva a scioglimento in modo puerile, spurio e moralistico, ma i grumi rimangono e sono antichi, come le rughe sul volto di Ledda: non tutto funziona, anzi, l’involuzione antropologica tracima nella drammaturgia, la stracchezza si manifesta a più riprese, eppure, Mereu e i suoi echeggiano tempi, modi e significati nascosti, aviti, pericolosi. Più lucidità e consapevolezza avrebbero giovato. Dal 9 settembre in sala.

fonte: Cinematografo

Categorie
Uncategorized

Assandira, la recensione: natura e progresso, acqua e fuoco, un film di contrasti

Un incendio doloso ha distrutto l’agriturismo Assandira, tirato su da una coppia – lui pastore sardo e figlio di un pastore, lei tedesca intraprendente – con il benestare non proprio entusiasta del vecchio Costantino Saru. Questi ha perso nelle fiamme il suo unico figlio Mario e viene interrogato dai Carabinieri come testimone informato dei fatti. Chi ha appiccato il fuoco?

Dall’omonimo romanzo (2004) di Giulio Angioni, riadattato da Salvatore Mereu con buona fedeltà (cambia la nazionalità della moglie di Mario, da danese a tedesca) e un insospettabile piglio da giallo-thriller che però non annulla la critica sociale e antropologica del testo originale, anzi la sottolinea con i movimenti nervosi della macchina da presa e gli sguardi scavati di padre e figlio Saru: lui è clamorosamente Gavino Ledda, pietra miliare della cultura sarda con Padre Padrone, prima libro e poi film dei Taviani che colpì, scandalizzò, commosse e vinse la Palma d’Oro 1977 su decisione del Presidente di Giuria Roberto Rossellini. In Assandira tiene banco e domina il film con vitalità e agilità insospettabili per un uomo di 81 anni, accompagnate da una voce fuori campo un po’ ridondante; perfettamente a suo agio davanti alla cinepresa, soggioga il figlio e viene soggiogato dall’ambigua nuora, la tedesca Anna Koenig (vista anche in quattro episodi di Dark) che aggiunge al film una strana e torbida sensualità che mette a disagio a contrasto con l’ostentata semplicità bucolica dei due Saru: il viaggio a Berlino, grottesco e surreale, è un compendio di quel che abbiamo appena scritto.

Assandira esce al cinema mercoledì 9 settembre, in settimane in cui la cronaca ha reso molto attuale il tema del turismo (ir)responsabile in Sardegna. Pur restando mille miglia lontano dai briatorismi della Vita Smeralda, Assandira si pone la non banale questione dell’equilibrio tra natura e progresso, raffigurati in un conflitto aspro e acuto che riconduce per forza di cose agli elementi primari: la terra, l’acqua, naturalmente il fuoco. Mereu pare assumere una posizione leopardiana, pessimista, sottolineando l’incomunicabilità – esaltata dai continui cambi di lingua e registro, dal sardo all’inglese all’italiano – tra le radici e il denaro dei forestieri: le messinscene a fini turistici di Assandira non sono prive di una venatura grottesca, così come la richiesta del “professore” (l’uomo che incoraggia Mario a investire sull’agriturismo) di reperire un bandito locale per aggiungere colore al quadretto. Alla fine prevalgono i sentimenti ancestrali, l’istinto di conservazione, il pudore, la vergogna, in un film netto, duro, ma non per questo respingente. Un film di contrasti: l’acqua, il fuoco.

fonte : Sky Tg 24

Categorie
Uncategorized

Mereu torna a Venezia con Assandira: Gavino Ledda di nuovo sulla scena

“Zuppo d’acqua fin dentro alle ossa, Costantino si avvita sul pagliaio come un vecchio legno restituito alla terra dal mare in burrasca. La pioggia torrenziale ha appena finito di spegnere il fuoco che si è mangiato in una notte sola l’agriturismo in mezzo al bosco, Assandira. Ma la pioggia non ha spento il dolore, il rimorso bruciante per il figlio che è morto in mezzo alle fiamme e che non è riuscito a salvare. All’alba, i primi ad arrivare sono i carabinieri e il giovane magistrato: Costantino prova a raccontare loro cosa è successo in quell’ultima notte, a spiegare come tutto è cominciato”.

È la trama di Assandira, il nuovo film del regista sardo Salvatore Mereu selezionato per partecipare fuori concorso alla prossima edizione del Festival del cinema di Venezia. Mereu torna così al Lido a tre anni dall’ultima volta quando nel 2017 portò il cortometraggio Futuro Prossimo realizzato assieme agli studenti dell’Università di Cagliari. Questa volta tra i protagonisti del suo ultimo lungometraggio c’è un volto noto della cultura sarda: Gavino Ledda, autore del celebre libro autobiografico ‘Padre padrone’ e protagonista dell’omonima pellicola girata nel 1977 dai fratelli Taviani e premiata a Cannes con la Palma d’oro.

Assieme a lui davanti alla macchina da presa l’attrice Anna König e gli attori Marco Zucca, Corrado GiannettiSamuele Mei.  Il film è liberamente tratto dal libro ‘Assandira’ scritto dall’antropologo sardo Giulio Angioni scomparso nel 2017. La produzione è di Viacolvento e Rai Cinema.

fonte : Sardiniapost.it